Volvo FMX

A solo tre anni dal lancio del primo Volvo FMX, una nuova versione è pronta per prenderne il posto. 

Massa totale
18-120 tonnellate

Motori
D11K: 330, 370, 410, 450 CV
D13K: 420, 460, 500 CV

Cabine
Cabina corta, Cabina lunga, Cabina Globetrotter
Creato per i conducenti che amano le scorciatoie

Quando fango e sabbia invadono la strada, l'unico modo per non avere problemi è continuare a muoversi. È proprio in queste situazioni che l'asse trattivo anteriore del Volvo FMX si rivela imbattibile, soprattutto ora che è stato dotato del nuovo Controllo automatico della trazione (ATC), una funzione intelligente che innesta automaticamente l'asse anteriore quando è necessario.

Risulta difficile credere che il responsabile del segmento cantieristica, con la sua immacolata camicia bianca, sia appena tornato da un bagno di fango in Brasile, almeno finché non inizia a descrivere i vantaggi della nuova trazione integrale automatica.

Generalmente noto come pulsante Oh cavolo!

"Il nostro asse trattivo anteriore è da sempre progettato per poter essere selezionato e innestato facilmente laddove necessario. Tuttavia, volevamo migliorarlo ulteriormente per alleviare l'affaticamento dell'autista. Grazie al Controllo automatico della trazione, l'autista è sempre sicuro di disporre della trazione di cui ha bisogno e solo quando ne ha bisogno", spiega Jonas Odermalm.

Le salite più ripide e i fossati più profondi

L'assale trattivo anteriore è stato spostato in avanti di 100 millimetri. Questo non solo conferisce al veicolo un angolo di attacco decisamente migliore, ma permette anche la combinazione con una vasta gamma di motori e di componenti del telaio. Dalla corona e pignone fino ai cuscinetti, l'assale è completamente nuovo. Oltre a ottimizzarlo, il design lo rende più resistente e fornisce una maggiore altezza da terra.

"In passato, la parte più bassa era la barra di accoppiamento, che è stata integrata alle spalle dell'assale rigido. Quindi ora il punto più basso del veicolo è la robusta scatola dell'assale. Quando è a pieno carico, il camion mantiene una considerevole altezza da terra. Insieme al nuovo angolo d'attacco, questo lo rende estremamente versatile sulle superfici irregolari", spiega Jonas Odermalm.

Minore consumo di carburante

Pur essendo la trazione integrale permanente la soluzione più diffusa veicoli per la cantieristica, Volvo ha adottato un approccio diverso. Jonas Odermalm ci spiega perché, ricordando degli esperimenti effettuati nel deserto: "In realtà, è necessaria solo tra il 2 e il 5% dei casi. Questo significa che nel restante 95%, un asse trattivo anteriore costituisce solo uno spreco di carburante, a meno che non si tratti di un FMX dotato di Controllo automatico della trazione."

Rotazione libera

Laddove le circostanze lo permettano, il sistema disinnesta automaticamente l'asse anteriore. Il trasferimento avviene così in modo diretto dal motore all'asse di trazione posteriore. Questo consente alle ruote di girare liberamente, riducendo il consumo di carburante Il veicolo diventa anche più facile da manovrare quando la presa degli pneumatici anteriori può essere dedicata alla sterzata; infine, si riduce l'usura dell'asse anteriore.

Mobilità del Volvo FMX

Condizioni estreme

Nei veicoli a sei ruote motrici, un elemento davvero essenziale è il bloccaggio del differenziale interasse, che blocca in diagonale due delle ruote motrici posteriori attraverso il carrello. Secondo Jonas Odermalm, questo contribuisce a rendere più gestibili numerose situazioni. "Se la strada è molto scivolosa, è sufficiente attivare l'assale anteriore trattivo per affrontare al meglio la maggior parte delle situazioni, grazie a una mobilità estrema".

"Abbiamo poi il cosiddetto pulsante Oh cavolo! che blocca il differenziale anteriore rendendo estremamente difficile far sterzare il veicolo, ma che consente di tornare sul terreno asciutto".

Jonas Odermalm

Su strada e fuori strada

Alla domanda sull'attrattività esercitata da questo tipo di mobilità, Jonas Odermalm risponde rapidamente: "L'ATC offre tutti i vantaggi di un asse trattivo anteriore e al contempo è pratico come un sistema permanente. Penso sia molto apprezzato dagli autisti di qualsiasi tipo di veicolo: veicoli di servizio 4×4 per la manutenzione stradale, ribaltabili 6×6 che operano nei campi petroliferi nel deserto, camion con cassone ribaltabile 8×6 utilizzati nelle cave e gru 10×6 in cantieri dal suolo sabbioso".

E aggiunge: "Naturalmente, non sarebbe altrettanto interessante se non fosse accompagnata dalla nostra solida reputazione in termini di durata e affidabilità".

Scoprite di più sul Controllo automatico della trazione

8
Mobilità